Gile Bae è nata nel 1994 a Rotterdam,Olanda. Ha debuttato a cinque anni in Corea del Sud come solista nel Concerto per pianoforte e orchestra in Do maggiore di Haydn. A sei anni al Conservatorio Reale dell’Aia studia con Marlies van Gent e, in parallelo suona su invito di diverse orchestre in Inghilterra, Austria, Germania, Olanda, Svizzera, Spagna, Portogallo, Belgio e Italia partecipando anche a programmi musicali radiofonici e televisivi.

 

   Nel 2000 vince i primi premi “International Steinway&Sons Piano Competition” in Olanda, “EPTA international Piano Competition” in Belgio e il “Maria Campina International Piano Competition” in Portogallo, nonché i primi premi “Princess Christina Competition” e “Stichting Jong Muziektalent Competition”.

 

   A quindici anni, vince il primo premio nella categoria superiore dell’“International Steinway&Sons Piano Competition” e viene scelta per rappresentare l’Olanda all’“International Steinway&Sons Festival” nel concerto alla Laeiszhalle di Amburgo.

 

   Ha suonato per la Famiglia Reale olandese e nel 2013 per il premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi, al conferimento della laurea ad honorem, con un concerto all’Alma Mater Studiorum di Bologna.

 

   Nel maggio 2017 ha inciso le Variazioni Goldberg di J.S. Bach, eseguendole poi in diverse sale tra cui il Teatro Olimpico di Vicenza.

 

   A Vienna, nel corso del 2018, è stata nominata “Bösendorfer Artist”.

 

   Nel 2019, dopo anni di studio e perfezionamento col M Franco Scala ha lasciato l’Accademia eseguendo -per il Diploma- le Variazioni Goldberg di Bach, le 4 Ballate e il Concerto n.1 di Chopin per pf. e orchestra di Chopin, in un’unica prova.

 

   Ha eseguito il concerto di Chopin anche nell’edizione per pianoforte e quintetto d’archi, accompagnata dalle prime parti della Filarmonica della Scala, nella sala di Mediobanca a Milano e anche a Malta, alla presenza del Presidente della Repubblica, nella sala Mediterranean Conference Centre. Nel 2020 su invito di Sir András Schiff ha suonato al klavier Festival Ruhr e partecipato nell’autunno al progetto “Building Bridges”, con concerti solamente a Berlino, Anversa, Baden e Aubonne, mentre altri rimandati a causa del Covid-19.